Piccoli problemi quotidiani: look total white?

Pubblicato da crisaledesign il

Dopo una settimana immerse nelle novità del Salone del Mobile, una coppia di amici che sta ristrutturando casa ci ha chiesto: “Cosa ne pensate del total white?”

E dare una risposta non è mica facile! Da un lato il senso di purezza che diffonde nella casa è una certezza e le possibilità nel campo dell’arredo sono molteplici, ma d’altro canto può anche lasciare una sensazione di vuoto che solo una bella parete colorata potrà colmare!

A questo punto è toccato a noi porre la domanda: “Ma quale bianco avete in mente? Bianco RAL 9010? Artico? Burro? Ottico?”. Eh già perché anche la tonalità cambierà molto il risultato: da una sensazione di freschezza nel caso in cui presenti qualche punta di grigio o azzurro, per arrivare invece ad una sensazione più calda e delicata se il riflesso è tendente al rosa o giallo.

Due ambientazioni della nuova campagna primavera-estate 2017 by Zara Home

Pensando all’arredo contemporaneo basterà scegliere mobili caratterizzati da linee essenziali e superfici laccate, magari in abbinamento a un pavimento con una superficie lucida inserendo qua e là qualche elemento in legno o di un colore neutro così da far risaltare la vostra scelta di stile!

Progetto dell’arch. Fabio Fantolino – progetto Basilica

Nel caso in cui foste interessati a questa scelta cromatica non va sottovalutata la componente luminosa del vostro appartamento: se siete in un ambiente caratterizzato da grandi superfici vetrate non dovrete per forza abbandonare l’idea, ma semplicemente scegliere la tonalità un po’ più calda così da non essere poi “abbagliati” dall’eccessiva luminosità!

Se siete affascinati dal bianco puro ma volete dare una nota di calore potrete giocare con i tessuti come pelliccia e lana, ma anche con accessori metallizzati.

In ultimo lo stile shabby chic che di fatto è poi la combinazione di mobili usati, vecchi cimeli di famiglia, oggetti riciclati un po’ di ogni tipo, ma sempre molto graziosi se dipinti di bianco!


0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *